Chi siamo

La rivista scientifica online ad accesso libero de genere intende proporsi come un luogo in cui la ricerca interdisciplinare sugli studi di genere e sugli studi post-coloniali possa trovare spazio e confrontarsi attraverso un ampio dibattito critico. Attraverso numeri monotematici a cadenza semestrale, si vogliono tracciare i percorsi della ricerca scientifica intorno ai ‘generi’, intesi nella piena ambiguità semantica del ‘genere/gender’ e delle forme stilistiche e mediatiche della letteratura e delle arti, per mapparne e indagarne le trasformazioni dovute all’ingresso di soggetti ‘imprevisti’ dalla modernità occidentale. 

Partendo dall’esperienza dei membri del Comitato scientifico, provenienti da ambiti disciplinari connessi al mondo anglofono, la rivista avrà come oggetto di indagine prevalentemente le letterature, culture e le istanze critiche elaborate nei paesi di lingua inglese, ma senza escludere e anzi auspicando un approccio comparato assicurato dalla presenza di studiosi operanti in diversi ambiti e con comprovata esperienza interdisciplinare nel proprio advisory board. Nel corso del tempo, il Comitato auspica un allargamento dei propri orizzonti disciplinari con l’ingresso di giovani studiosi provenienti da altri percorsi formativi e contestualmente di altre lingue in cui le pubblicazioni potranno essere redatte: allo stato attuale la rivista si limiterà ad ospitare contributi in italiano e inglese.

Il nostro intento è di realizzare una pubblicazione periodica attenta alle differenti aree di studio e alle loro specificità tematiche e metodologiche così come stanno emergendo anche grazie al lavoro di studiose e studiosi ancora considerati giovani dall’accademia ma con alle spalle già molti anni di ricerca in ambiti che non sono riconosciuti dal Miur come vere e proprie ‘discipline’, come appunto gli studi di genere, gli studi postcoloniali e gli studi culturali. Questa pubblicazione si propone dare visibilità alle diverse manifestazioni che queste compagini critiche hanno nella ricerca italiana, auspicandone e se possibile favorendone un riconoscimento completo anche a livello istituzionale.

Per questo motivo la rivista intende mettere in pratica uno standard di pubblicazione di tipo internazionale selezionando i contributi attraverso calls for papers dedicati a un tema specifico ogni semestre. I contributi saranno sottoposti a un sistema di double-blind review da parte di revisori esterni al Comitato scientifico particolarmente qualificati ed esperti nei singoli campi di ricerca.

Oltre agli articoli proposti per la pubblicazione, la rivista sarà aperta ad ospitare, per ogni numero, uno o più contributi da parte di studiosi di particolare rilievo su proposta e accettazione da parte dal Comitato editoriale.